Nausicaä della Valle del vento: i fumetti quali strumento per una formazione etica e democratica dell’adolescente e dell’adulto

nausicaa09Per iniziare a parlare dei fumetti parto da Nausicaä della Valle del vento, unico manga [1] realizzato di persona da Hayao Miyazaki, che ne ha diretto anche l’omonima trasposizione in lungometraggio animato del 1984.

TRAMA

«Una potentissima civiltà industriale nel giro di qualche secolo si diffuse in tutto il mondo privando la Terra delle sue ricchezze, inquinando l’aria e plasmando a suo piacimento le varie forme di vita. Questa civiltà mille anni dopo la propria nascita raggiunse il suo apice, a cui seguì un declino improvviso. Nella guerra che ne conseguì, le città furono incendiate da nuvole di vapore velenoso. La tecnologia complessa e raffinata del passato era ormai completamente perduta. La quasi totalità della superficie terrestre era divenuta sterile e improduttiva. La civiltà industriale non risorse mai più, e gli uomini si adattarono a vivere lunghi anni di crepuscolo.»

Sono queste le parole con cui Miyazaki ci introduce al mondo di Nausicaä, principessa della Valle Del Vento, un piccolo regno che si trova ai confini del mar marcio, una gigantesca giungla tossica che ormai ricopre la maggior parte della superficie terrestre. Come si vede il plot della storia è abbastanza simile a quello di Conan, aggiungendo però una natura ancora più pericolosa se non compresa ed accettata, in quanto il mar marcio è un complesso ecosistema di specie vegetali ed animali (piante, funghi, vermi, insetti giganti) all’interno del quale l’uomo non può sopravvivere, se non grazie all’ausilio di maschere e respiratori che filtrino l’aria. Nausicaä cerca di capire questa natura studiandola per comprendere il motivo della tossicità ed è capace di instaurarvi anche una forma di comunicazione. Anche in questa vicenda gli uomini provano a soggiogare gli altri cercando di ripristinare l’antica tecnologia bellica, a discapito in primis dell’ambiente. Nausicaä si troverà ad essere l’ago della bilancia fra l’uomo e la natura.

SPUNTI DI RIFLESSIONE

Miyazaki in quest’opera affronta molti dei temi che ricorreranno poi in tutte le sue opere di animazione: l’inquinamento e l’ecologia, la mancanza di una distinzione netta tra bene e male, la cattiveria dell’uomo e la sua ottusità, la forza di volontà, il pacifismo, il femminismo, puntando più a muovere le coscienze e a far riflettere, piuttosto che a far divertire.

La protagonista, nonostante la sua estrema forza d’animo, non è diversa da tutti gli uomini che, se solo volessero, potrebbero migliorare il mondo e salvare la natura imparando a conviverci.

NOTE:

[1] termine giapponese con cui vengono indicati generalmente i fumetti

BIBLIOGRAFIA:

  • 風の谷のナウシカ Kaze no tani no Naushika, Nausicaä della Valle del ventoHayao Miyazaki, Tokuma Shoten, 1982

TORNA ALL’INTRODUZIONE

Lascia un commento